Seguici su

Facebook
|

Guadagnare scommettendo

Gli inglesi scommettono su tutto, sullo sport, sul tempo, sulle nascite, … In Italia, vanno forte soprattutto le scommesse sportive. Una volta si puntava sul cavallo vincente e si faceva la schedina di calcio. Oggi, grazie alle ricevitorie e ai siti Internet dedicati, si può scommettere su qualsiasi tipo di gare e qualsiasi tipo di evento, inoltre è possibile sapere in anticipo quale book è il migliore per scommettere. È indubbio che le maggiori giocate siano concentrate su calcio, motociclismo e automobilismo, ma anche gli altri sport riscuotono sempre maggior successo.

La domanda è d’obbligo. Ma si può guadagnare scommettendo? Questo è in realtà ciò che distingue lo scommettitore occasionale dallo scommettitore professionale. Quest’ultimo studia maniacalmente strategie e tattiche, non si fa trascinare emotivamente o dalla passione personale, segue ogni evento e cerca di prevedere le mosse future. La concentrazione, la determinazione e la programmazione corrette possono realmente far realizzare elevati guadagni. Ma deve esserci sempre la consapevolezza di fondo che, come può essere veloce guadagnare, si può perdere rapidamente tutto ciò che si è puntato.

Per poter guadagnare, lo scommettitore professionale deve frazionare il suo capitale e piazzare tra il 3% e il 5% del proprio budget su ogni scommessa, partendo da quelle più probabili. Sul lungo termine, la strategia delle piccole puntate si rivela più che soddisfacente. Inoltre, molto importante, nel momento della perdita - perché a tutti capita di perdere - il vero giocatore non deve cedere alla tentazione di recuperare aumentando la puntata media o scegliendo una quota più elevata. Questo perché in un caso il rischio non viene equamente suddiviso su tutte le scommesse e nell’altro caso significa che la probabilità che l’evento si verifichi è troppo bassa. In entrambi i casi, la percentuale di successo e di recupero è insoddisfacente.

Chiudiamo dicendo che senza rigore e sistematicità è impossibile, alla lunga, far alcun profitto. È fondamentale valutare il rischio di ogni singola scommessa, rispettare il proprio budget e puntare al massimo il 5% del saldo anche perché, statisticamente, almeno il 40% delle puntate sono fallimentari.

 

Il nostro consiglio è anche sfruttare i bonus dei vari bookmakers, per questo motivo ti vogliamo consigliare di leggere questo post che abbiamo trovato in rete su enjoybet recensione con ottimi consigli per iniziare in questo mondo.