Seguici su

Facebook
|

In quali Nazioni si usa di più la bicicletta? La classifica

Complici la crisi economica mondiale e il conseguente accentarsi della popolazione verso i grandi centri, il traffico è diventato una delle principali problematiche quotidiane in gran parte delle città.

Un problema annoso e fastidioso che ha costretto le persone ad usufruire sempre più spesso di mezzi alternativi e agili, facendo diventare la bicicletta il mezzo di riferimento per lo spostamento urbano.

Tuttavia è l'aspetto culturale quello principale e dominante che fa sì che via siano nazioni dove l'utilizzo delle biciclette sia di gran lunga superiore e ormai consolidato nello stile di vita delle persone. Nel mondo vi sono oltre un miliardo di biciclette (numero decisamente superiore rispetto a quello delle autovetture) distribuite con maggior concentrazione in Europa.

E allora vediamo la classifica delle nazioni nelle quali si fa più uso delle bicicletta.

1 – Olanda: qui la bicicletta è tra i caratteri distintivi del paese. La sola Amsterdam propone oltre 380 Km di piste ciclabili e tutta la nazione è attraversata da una fitta rete di ciclabili organizzata attorno a degli “incroci” (knooppunt in olandese). Quindi non proprio un'esigenza ma concetto di esistenza improntato al rispetto dell'ambiente e del benessere psicofisico del singolo in ogni suo spostamento.

2 – Danimarca: anche qui la bicicletta è ormai divenuta parte integrante della vita della popolazione.12.000 km di piste ciclabili segnalate e distanze relativamente contenute tra i centri d'interesse spingono sempre più persone allo spostamento su due ruote. Non da ultimo l'ambiente circostante fatto di panorami incantevoli e incontaminati

3 – Germania: come poteva mancare? La spinta in questo caso è dato da una grande tradizione per le bici da corsa e per l'aspetto competitivo che, piano piano, ha trainato tutto il settore. Caratteristici i percorsi ciclabili che accompagnano il corso dei fiumi: il più famoso è quello lungo il Reno, mentre il più frequentato accompagna l'Elba per oltre 1000 chilometri (da Amburgo fino alla Repubblica Ceca).

E l'Italia? Nel nostro paese ci sono stati numerosi interventi governativi per cercare di stimolare l'utilizzo (e l'acquisto di biciclette). Non da ultimo l'incentivo del 2009 che portava a recuperare circa il 30% rispetto al prezzo di acquisto. I segnali mostrano un mercato in grande espansione, non solo per il mondo della corsa che ha forte tradizione, ma anche per le biciclette da passeggio e per il ciclismo urbano in generale.

Tecnologie sempre più evolute, materiali sempre più leggeri e prezzi sempre più accessibili anche per biciclette storicamente più costose (come le elettriche) lasciano pensare che i numeri appena visti diventeranno rapidamente parte del passato e che la bicicletta diventerà il mezzo imprescindibile per ogni spostamento delle persone.